Questa pagina può essere ripubblicata in tutto o in parte secondo le regole di Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. E’ sufficiente fare presente l’opera da cui è  tratta (“Atlante della Chiesa”)   linkandola   o riportandone  l’URL  (http://atlasofchurch.altervista.it) .

 Torna a Patriarcato di Mosca

Chiesa Ortodossa Estone del Patriarcato di Mosca

#Introduzione

#Link

#Primate

#Cronologia

Atlante

Introduzione

Il Patriarcato di Mosca ,dopo la caduta del regime sovietico e l'acquisizione dell'indipendenza dell'Estonia, ha accordato alla Chiesa Ortodossa in Estonia uno status di autogoverno.Gli Ortodossi in Estonia sono circa 80.000;di questi circa la metà aderiscono a questa Chiesa ,gli altri alla Chiesa Ortodossa Apostolica Estone  dipendente dal Patriarcato di Costantinopoli.

I rapporti con la Chiesa Ortodossa Apostolica Estone , così come tra il Patriarcato Ecumenico e il Patriarcato di Mosca ,sono a tutt'oggi tesi.

Link

I link sottoriportati  si riferiscono a siti dove si possono trovare notizie  relative all'argomento trattato. Alcuni di essi  sono espressione della Chiesa qui trattata ma altri sono del tutto estranei  ad Essa.

Estonian Orthodox Church of Moscow Patriarchy

Chiesa Ortodossa Apostolica Estone 

Primate

S.Em. Cornelio Jakobs, Metropolita di Tallinn e di tutta  l'Estonia. S.Em. (al secolo Vyacheslav Nikolayevich Yacobs) è nato a Tallin nel 1924, ordinato sacerdote nel 1948 e consacrato Vescovo nel 1990. Arcivescovo dal 1995 e Metropolita dal 2000.

Foto nel sito della Chiesa

Cronotassi in cronologia.

Cronologia

Cronologia della Chiesa Slava Orientale

1030 Il principe Russo Yaroslav fonda Juryev. Tribù Ciude vengono convertite all'Ortodossia.Il Pricipato di Novgorod governa alcune di queste tribù . Da allora , anche se numericamente in modo marginale, gli Ortodossi cominciano ad essere presenti nella regione.

1472 I Cavalieri Teutonici impongono il Cattolicesimo  anche con la forza .Martirio del sacerdote Isidoro e dei suoi parrocchiani ; un altro sacerdote ,Giovanni, fugge e fonda presso Pskov un Monastero che diventerà il punto di riferimento per i vicini Ortodossi Estoni.

XVI sec. Conquista svedese dell'Estonia .Il Luteranesimo diviene la religione predominante.

Cornelio 1570-?, vescovo di Jurvey

1570  In seguito alla conquista russa della regione e la successiva espansione dell'Ortodossia, Juryev (in seguito  Dorpat ,oggi Tartu) diventa sede di una eparchia .

Sava ?-1582, vescovo di Jurvey

1582 L'eparchia viene abolita in seguito alla conquista della regione da parte di Svedesi e Polacchi.

1704 I Russi conquistano Tartu. All'epoca è presente una sola parrocchia ortodossa.

1721 Trattato di pace e   passaggio di Estonia e Lettonia alla Russia .Ricrescita di  parrocchie ortodosse che vengono poste alle dipendenze del vescovo di Pskov.

1764 Le parrocchie ortodosse in Estonia  vengono poste alle dipendenze del vescovo di S.Pietroburgo.

 

1817 viene creato il vicariato di Revel (Tallinn) dipendente dalla diocesi di  S.Pietroburgo.

1838 Un considerevole numero di Estoni e Lettoni Luterani passano all'Ortodossia.

1865 il vicariato di Revel (Tallinn) passa dalla diocesi di S.Pietroburgo a quella di  Riga. Fino al 1917 comunque i vicari non sono vescovi.

1891 Nasce a Puhtitsa il primo monastero ortodosso della regione.

Platone  (1917-18, vescovo vicario di Revel)

1917 A capo del Vicariato di Revel viene posto un Vescovo.

 

1918 Estonia,Lettonia, e Lituania proclamano l'indipendenza.

Alessandro (1920 - 1923 vescovo,1923-41 Metropolita di Tallin ed Estonia)

1920 Unilaterale dichiarazione  d'Autonomia della Chiesa Ortodossa in Estonia che viene nello stesso anno riconosciuta dalla Chiesa Russa. Viene creata la diocesi di Revel.

1923 Autonomia sotto le dipendenze di Costantinopoli. La diocesi viene elevata a Metropolia e suddivisa nelle diocesi di Tallinn, Narva e Pechery.

1940 La Russia occupa gli Stati Baltici.

Sergio (1941 - 44 ,esarca dell’area del Baltico)

1941 Riunificazione con  la Chiesa Russa che stabilisce un Esarcato per gli Ortodossi degli Stati  Baltici con sede a Vilnius.

Paolo (1945 - 46, vescovo di Tallin ed Estonia)

1945 Dopo la riconquista Russa ,Mosca   riunifica le diocesi estoni in un'unica diocesi e vi pone a capo  l'Arcivescovo Pavel (Dimitrovsky) di Tallinn e l'Estonia. Il Metropolita Alessandro si stabilisce in  Svezia e  organizza, a Stoccolma ,la  Chiesa Ortodossa Apostolica Estone  in Esilio.

Isidoro (1947 - 49, vescovo di Tallin ed Estonia)

Romano (1950 - 1955 ,Vicario di  Leningrado)

Giovanni (1955 - 61, vescovo di Tallin ed Estonia)

1957 L'attuale Metropolita Cornelio viene arrestato per attività antisovietica.

Alessio (1961 - 86, vescovo di Tallin ed Estonia)

1978 Costantinopoli dichiara non operante l'autonomia della Chiesa Ortodossa Apostolica Estone .

Cornelio (1990 –92 Vicario del Patriarca, 1992-, Arcivescovo di Tallin ed Estonia)

1990 Alessio ,già vescovo di Tallin , diventa Patriarca di Mosca .

1991 Caduta dell'Unione Sovietica .Gli Stati Baltici ristabiliscono l'indipendenza. Gli Ortodossi Estoni si spaccano tra chi vuole restare fedele a Mosca e chi rivuole l'autonomia sotto Costantinopoli.

1992 L'Arcivescovo Cornelio chiede e ottiene che Mosca reinstauri l'Autonomia del 1920.

1993 Il governo Estone riconosce soltanto la Chiesa Ortodossa Apostolica d'Estonia. La divisione sopravviene di fatto. 

1994 Circa metà delle parrocchie richiede l'autonomia sotto Costantinopoli.

1996 Costantinopoli restaura l'Autonomia .L'Arcivescovo di Finlandia viene provvisoriamente nominato a capo della Chiesa d'Estonia dal Patriarcato Ecumenico. Mosca non riconosce tale atto e i rapporti con Costantinopoli diventano particolarmente tesi e il nome del Patriarca Ecumenico viene per qualche tempo addirittura rimosso dal dittico nella Liturgia. Si arriva in seguito a un accordo in base al quale di fatto  ambedue le  giurisdizioni in Estonia restano operanti. Grazie a tale accordo Costantinipoli e Mosca restano in comunione (che si era sfiorato di rompere).

2002 Anche la Chiesa Ortodossa di Estonia del Patriarcato di Mosca viene riconosciuta dallo Stato.

2007 Si tiene a Ravenna la riunione della Commissione Congiunta Cattolica-Ortodossa: il Patriarcato di Mosca non vi partecipa a motivo della presenza di delegati della Chiesa di Estonia del Patriarcato Ecumenico.

 

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse   Chiese non Calcedonesi  Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento:dicembre 2002,maggio 2006, luglio 2007