Torna a Chiese Cattoliche

Chiese Cattoliche Orientali

Chiesa Cattolica Bielorussa

#Introduzione

#Link

#Primate

#Cronologia

#Atlante

Introduzione

Secondo alcune stime sarebbero circa  10.000 i Bielorussi di rito bizantino in patria con circa 20 parrocchie . Altri 2.000 Bielorussi fanno parte della   diaspora ( a Chicago,   Londra,Antwerpen). Il clero in atto consta di mezza dozzina di sacerdoti e non ha vescovo.

Link 

Primate

La Chiesa Greco-Cattolica Bielorussa costituisce una Chiesa "sui iuris" senza una propria gerarchia.Dipende direttamente dalla S.Sede attraverso la congregazione per le Chiese Orientali e di conseguenza ne è Ordinario il Prefetto di tale Congregazione (attualmente il Cardinale Leonardo Sandri). Visitatore "ad nutum Sanctae Sedis” per le parrocchie in Bielorussia è l' Archimamdrita Sjarhej (Jan Sergiusz Gajek) ,per quelle in diaspora il sacerdote Alessandro Nadson lo è stato fino al 2015 (anno della sua morte).

Cronologia

Anteriormente alla 1° guerra mondiale la storia della Bielorussia e delle sue chiese si confonde con quella dell'Ucraina per cui vedi Chiesa Greco-Cattolica Ucraina.

1798 Dalla diocesi latina di Mogilev viene staccata la diocesi di Minsk per i "Ruteni" di rito bizantino nella regione. Essa sarà soppressa dallo zar nel 1855 o 1875. Le vicende politiche nella regione determineranno il passaggio alla chiesa ortodossa di un notevole numero di Greco-Cattolici Bielorussi .

1839 L'Atto di unione di Polatsk determina il passaggio all'ortodossia di gran parte della Bielorussia e dell'Ucraina orientale  greco-cattolica.

1925 Viene creata una Commissione papale "Pro Russia".

1931 Per i circa 30.000 cattolici di rito bizantino della regione bielorussa annessa dalla Polonia dopo la I guerra mondiale viene nominato un  visitatore apostolico .

1939 Andrey Sheptytskyj, Metropolita di Lviv ,crea un Esarcato di Belarus con a capo Antonio Niemancevicz, che non soppravvive alla fine della guerra durante la quale  i Sovietici  annettono la Chiesa alla Chiesa Ortodossa Russa.

1946 Bielorussi di rito bizantino cominciano a organizzare missioni all'estero(Francia ,U.S.A.).

Ceslaus Sipovich (Visitatore Apostolico 1960-83?)

1960 La S.Sede crea  un vescovo bielorusso in qualità di Visitatore Apostolico (Ceslaus Sipovich) per le parrocchie organizzatesi in diaspora. Questi avrebbe avuto un successore in .

Uladzimier Tarasevich (1983-86)

Alexander Nadson  (1986-); Jan Sergiusz Gajek , Visitatore Apostolico per i fedeli in Bielorussia dal 1994.

1986 :il nuovo Visitatore Apostolico, Alexander Nadson, non viene creato vescovo.

1990 I Cattolici Bielorussi di rito bizantino  emergono dalle "catacombe" con  tre preti e due diaconi che  celebrano la liturgia in Bielorusso. I Bielorussi cominciano a chiedere alla S.Sede il riconoscimento della loro Chiesa particolare (finora non distinta da quella Ucraina).

1994 La S.Sede annuncia che le comunità greco-cattoliche della Bielorussia dipendono direttamente dalla Congregazione per le Chiese Orientali.

1995 Provoca delusione nelle comunità greco-cattoliche bielorusse che nessuno dei loro sacerdoti venga invitato alle celebrazioni ufficiali del 400° anniversario dell'Unione di Brest.

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse Chiese Non Calcedonesi Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento:Settembre 2002,agosto 2004, aprile 2007, gennaio 2017