Questa pagina puς essere ripubblicata in tutto o in parte secondo le regole di Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. E’ sufficiente fare presente l’opera da cui θ  tratta (“Atlante della Chiesa”)   linkandola   o riportandone  l’URL  (http://atlasofchurch.altervista.it) .

 Torna a Chiese Ortodosse

Chiesa di Georgia (Arcidiocesi di Mitschete e Tyflida e Patriarcato  di Georgia)

#Introduzione

#Link

#Primate

#Cronologia

Atlante

[Eparchia indipendente di Abkhasia]

Introduzione

Sono 3.500.000 all'incirca i fedeli della Chiesa Ortodossa di Georgia. Il Patriarcato, insieme alla Chiesa Ortodossa di Grecia, θ l'unica Chiesa Autocefala Locale che non θ membro del Consiglio Mondiale delle Chiese .Ciς nonostante si θ formata una Chiesa vetero-calendarista che accusa la pur modesta attivitΰ ecumenica del Patriarcato.

Link

Patriarcato di Georgia. , 2

Parrocchia di S.Giorgio a Londra

geo.orthodoxy.ru (in russo)

Primate

S.B. Elia II, Arcivescovo di Mitschete e Tyflida (=Tblisi) e Patriarca- Catholicos di Georgia. S.B. θ nato nel 1933,θ sacerdote dal 1959 e vescovo dal 1963.

Foto  nel sito del Patriarcato di Georgia.

Cronotassi in cronologia.

Cronologia e Cronotassi

1° sec.: S. Andrea predica in  Georgia orientale ( Regno di Kartli ,in greco Iberia ) e occidentale ( Regno di Egrisi ,in greco Colkhide) dove secondo la tradizione  fonda la diocesi  di Atskuri. Predica nella regione anche S. Simone  che sarebbe stato seppellito a Comani,  S. Matteo che sarebbe stato seppellito a  Gonio,  S. Bartolomeo  e S.Taddeo .

69 Martirio di  Andrea a Patrasso.

79 Martirio di Giuda e Simone in Persia.

90 Secondo Ippolito, Matteo muore di morte naturale , in Persia.

303 S.Nino predica nel Regno di Iberia.

325 Concilio di Nicea. l'attuale Georgia ricade nella giurisdizione del Patriarcato di Antiochia. Secondo alcuni θ possibile che tale Stratophilus, Vescovo  di Bichvinta , abbia preso parte ai lavori di questo concilio.

Giovanni I Arcivescovo di Mtskheta (335 – 363)

326 il Re di Kartli (Iberia) ,Mirian, convertito da S.Nino,dichiara il Cristianesimo religione di stato e  l'Imperatore Constantino vi invia l'Arcivescovo Giovanni .

Giacomo (363 -375)

Giobbe (375 – 390)

Elia I  (390 – 400)

Simeone I  (400 – 410)

Mosθ (410 – 425)

Giona (425 – 429)

Geremia (429 – 433)

Gregorio I (433 – 434)

Basilio I (434 – 436)

Glonakor (436 – 448)

Iovel I (448 – 452)

451 Concilio di Calcedonia: la regione costiera (Abcasia) viene a ricadere sotto la giurisdizione di  Costantinopoli ; resta alle dipendenze di Antiochia la regione interna (Kartli o Iberia).

Michele I (452 – 467)

Pietro I ,Catholicos d’Iberia (467 – 474)

467 Antiochia ,su richiesta del Re Vakhtang Gorgasali ,concede l'autocefalia all'Arcivescovo di Mitschete che assume il titolo di Catholicos di Iberia o Kartli .

Samuele (I 474 – 502)

Gabriele I (502 – 510)

506 Sinodo armeno di Dvin. Il Catholicosato di Georgia, in rapporti di vicinanza  con la  Chiesa Armena , ribadisce la propria adesione ai canoni calcedonesi . Separazione della Chiesa Armena. 

Tavfechag I (510 – 516)

Chirmagi-Chigirmane (516 – 523)

Saba I (523 – 532)

523 La Georgia cade nelle mani dei Persiani.

Eulavio (532 – 544)

Samuele II (544 – 553)

552 Il Catholicos Armeno ,Abraham I, scomunica la Chiesa di Georgia che resta calcedonese.

Macario (553 – 569)

Simeone II (569 – 575)

572 I Persiani vengono scacciati da Kartli ma la situazione resta confusa.

Samuele III (575 – 582)

Samuele IV (582 – 591)

Bartolomeo (591 – 595)

Kirion I (595 – 610)

607 Al Concilio Armeno di Bardav si rende ancora piω chiara la separazione della Chiesa Georgiana dall’Armena.

Giovanni II (610 – 619)

Babila (619 – 629)

Tabor (629 – 634)

Samuele V (634 – 640)

Eunone (640 – 649)

645 Conquista araba di Tblisi (Emirato di Tblisi).

Tavfechag II (649 – 664)

Eulalio (664 – 668)

Iovel II 668 – 670)

Samuele VI (670 – 677)

Giorgio I (677 – 678)

Kirion II (678 – 683)

Izid-bozidi (683 – 685)

Teodoro I (o Teodosio) (685 – 689)

Pietro II (689 – 720)

Talale (720 – 731)

Mamai (731 – 744)

736  L'Abkhazia , da circa un secolo regno indipendente poi caduto in mani arabe si libera dagli Arabi:verisimilmente   Pytius, sua capitale, era sede  di un Catholicosato di Abcasia da circa un secolo .Anche Kartli si libera degli invasori arabi.

Giovanni III (744 – 760)

750 Antiochia conferma l'autocefalia .Anche l'Abcasia  riconosce il primato del Catholicos d'Iberia.

Gregorio II (760 – 767)

Sarmeane (767 – 774)

Michele II (774 – 780)

Samuele VII (780 – 790)

Cirillo (791 – 802)

Gregorio III (802 – 814)

Samuele VIII (814 – 826)

Giorgio II (826 – 838)

Gabriele II (838 – 850)

Ilarione I (850 – 860)

Arsenio I (860 – 887)

Evsuki (887 – 900)

Kimentos (900 – 914)

Basilio II (914 – 930)

Michele III (930 – 944)

Davide I (944 – 955)

Arsenio II (955 – 980)

979 Con re David III la Georgia si impossessa dell'Abcasia e di altri principati minori e diventa uno stato unitario. Le diocesi greche (dal Catholicos d'Abcasia dipendevano pare  nel IX sec. 16 diocesi) presenti nelle regioni occidentali vengono abolite e viene completato il processo di unificazione ecclesiastica (tuttavia il Catholicosato continua ,con alterne vicende, a sussistere).

Oqropiri I (980 – 1001)

Simeone III (1001 – 12)

1008 Viene adottato il titolo di Patriarca -Catholicos.

Melkisedek I (1001 - 30, 1039 – 45)

Okropiri II (1031 - 39, 1045-49)

Eutimio I (1049 – 55)

Giorgio III (1055 – 65)

1057 Viene ribadita l'Autocefalia.

Gabriele III (1065 – 80)

1068 I Selgiuchidi devastano il Regno di Georgia. La Georgia diventa tributaria dei Turchi fino al 1099.

Demetrio (1080 – 90)

Basilio III (1090 – 1100)

Giovanni IV (1100 – 42)

1122 Re Davide IV conquista Tblisi e ne fa la nuova capitale.

Simeone IV (1142 – 46)

Saba II (1146 – 50)

Nicola I (1150-74)

Michele IV (1178 – 86)

Teodoro II (1186 – 1206)

Basilio IV (1206 – 08)

Giovanni V (1208 – 10)

Epifanio (1210 – 20)

Eutimio II (1220 -22)

Arsenio III (1222 – 25)

1223 Invasione mongola. La Georgia ne diventa tributaria fino al 1340 circa.

1226 Persecuzione dello  Shah Jalal Uddin di Khorezm. Migliaia di Georgiani vengono martirizzati.

Giorgio IV (1225 – 30)

Arsenio IV (1230 – 40)

Nicola II (1240 – 80)

Abramo I (1280 – 1310)

Eutimio III (1310 – 25)

Michele V (1325 – 30)

Basilio V (1330 – 50)

1340 La Georgia si libera dal tributo ai Mongoli.

Doroteo I (1350 – 56)

Shio I (1356 – 64)

Nicola III (1364 – 80)

1367 Viene definitivamente meno il  Catolicosato di Romagyris il cui titolo passa al Catholicos di Georgia.

Giorgio V (1380 – 99)    

1386 Invasione di Tamerlano.

 1390 Viene confermato per il  vescovo di Bichvinta il titolo di Catholicos di Abcasia e Imerezia (non mi sono noti i suoi predecessori) ma sempre riconoscendo il Primato del Catholicos-Patriarca di Iberia.

Elioz (1399 – 1411)

Michele VI (1441 – 26)

Davide II (1426 -30)

Teodoro III (1430 – 35)

Davit III (1435-39, 1443 – 50)

Shio II (1440 – 43) 

Marco (1460 – 66) 

Davide IV (1466 – 79)  

Evagrio (1480 - 92, 1500 – 03)

Abramo II ( 1492 – 97)

Efrem I (1497 – 1500)

Doroteo (II 1503-10, 1511-16)

Dionisio (1510 – 11)

Basilio VI (1517 – 28)

Malachia (1528 – 38) 

Melkisedek II (1538 – 41)

Germano (1541 – 47)  

Simeone V (1547 – 50)

Zebede I (1550 – 57)

1555 Pace di Amasia . La Georgia θ divisa in due sfere d'influenza tra Ottomani e Persiani ma il Regno non viene meno tuttavia di fatti si sgretola sempre piω.

Domenti I (1557 – 62)

Nicola IV (1562 – 84)  

Nicola V (1584-91)

Doroteo III (1592 – 99)

Domenti II (1599 – 1603)

Zebede II (1603 – 09) 

Giovanni VI (1610 – 13)

Cristoforo I (1613 – 22)

1616 In seguito all' invasione dello Shah iraniano Abas I migliaia di monaci perdono la vita. Per difendersi dai Persiani i Georgiani allacciano sempre piω stretti rapporti con i Russi.

Zaccaria (1623 – 30)    

Eudemo I (1630 – 38)

Cristoforo II (1638 – 60)  

Domenti III ( 1660 – 75)  

Nicola VI (1675-76)

Nicola VII (1676-87, 1691-95) 

Giovanni VII (1687-91, 1696-1700)

Eudemo II (1700 – 03)  

Domenti IV (1704 - 25, 1739 – 41)  

Bessarione (1725 – 37)  

Cirillo II (1737 – 39)

Nicola VII (1742-44)  

Antonio I (1744 - 55, 1764 – 88)

Giuseppe (1755 – 64)

Antonio II (1788 – 1811)  

1801 La Russia annette la  Georgia e pone fine al regno.

Barlaam ,Esarca (1811 – 17)

1811  Viene abolito il Patriarcato e persa l'autocefalia. La Chiesa viene governata da Esarchi nominati da Mosca.

Teofilatto (1817 – 21)

Giovanni (1821 – 34)

Mosθ ( 1832- 34)

Eugenio (1834 – 44)

Isidoro (1844 – 58)

1851 Viene restaurata una diocesi di Abcasia.

Eusebio (1858 – 77)

Ioanniccio (1877 – 82)

Paolo (1882 – 87)

Palladio (1887 – 92)

Vladimir (1892 – 98)

Flabiano (1898 – 1901)

Alessio I (1901 – 05)

Nicola (1905 – 06)

Nikon (1906 – 08)

Innocenzo (1909 – 13)

Alessio II (1913 – 14)

Piterim (1914 – 15)

Platone (1915 – 17)

Kirion III , Catholicos-Patriarca di tutta la  Georgia (1917 – 18)

1917 Viene unilateralmente restaurato il Patriarcato e l'autocefalia. L'Abcasia opta per una propria Chiesa che non ha successo in seguito all'occupazione da parte delle truppe georgiane che espellono il vescovo russo e lo sostituiscono con un georgiano.

Leonida (1918 – 21)

Ambrosio ( 1921 – 27)

Cristoforo III (1927 – 32)

Callistrato (1932 – 52)

1943 L'autocefalia viene riconosciuta da Mosca.

Melkisedek III (1952 – 60)

Efrem II (1960 – 72)

Davide V (1972 – 77)

Ilia II (1977-)

1990 L'autocefalia viene riconosciuta da Costantinopoli.

1993 Nei disordini che seguono alla dissoluzione dell'Unione Sovietica l'Abcasia rivendica l'indipendenza e il vescovo georgiano θ costretto a lasciare la regione (situazione che perdura tuttora nonostante i tentativi di mediazione da parte della Chiesa Russa).

1997 Alcuni monaci contrari all'ecumenismo rompono la comunione con il Patriarca .

1999 Visita del S.Padre in Georgia. Incontro con il Patriarca e i vescovi.

2002 Viene creata la diocesi dell'Europa Occidentale.

2005 Si costituisce in autocostituisce  l’Eparchia di Abkhazia , non riconosciuta dal mondo ortodosso ,che continua a riconoscere l’eparchia patriarcale (inoperante) di Tskhum-Apkhazeti.

2006 Viene creata la diocesi di Tashir-Agarak in Armenia. Ciς θ causa di attriti con la Chiesa Armena.

2008 La Chiesa Russa rigetta la proposta degli ortodossi di Abkhazia e di Ossezia di staccarsi dalla Chiesa Georgiana.

2011 Il Catholicos Armeno Karekin II  si reca in visita ufficiale in Georgia; non avveniva , a seguito di tensioni con la Chiesa Georgiana motivate dalla presenza di chiese armene in Georgia,  dal 1894.

2016 Si apre a Creta ( ma naufraga di fatto considerata l'assenza dei Patriarcati di Antiochia, Georgia, Bulgaria e Russia) il Sinodo Panortodosso (l'ultimo esempio ad esso assimilabile θ il Concilio di Costantinopoli tenutosi alla fine del IX secolo).

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilitΰ per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse   Chiese non Calcedonesi  Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento:dicembre 2002, giugno 2006, agosto 2007, febbraio 2008, aprile 2009, febbraio 2012, gennaio 2017