Torna a Chiese Cattoliche

Chiese Cattoliche Orientali

Chiesa Cattolica Bulgara

#Introduzione

#Primate

#Cronologia

#Atlante

Introduzione

I fedeli cattolici della Chiesa Cattolica Bulgara alla fine del 2008 erano circa  10.000.

Primate

La Chiesa non ha un Primate sebbene l'Esarca ( attualmente Christo Proykov)  è  di fatti il capo di questa Chiesa. Mons. Proykov è nato nel 1946, ordinato sacerdote nel 1971, è stato consacrato Vescovo nel 1994.

Cronotassi:vedi in cronologia

Cronologia e cronotassi degli Esarchi

870 La Bulgaria opta, dopo una lunga oscillazione  tra Roma e Costantinopoli ,per quest'ultima  che le concede l'arcidiocesi autonoma .

1204-35 Unione con Roma della Chiesa Bulgara. Più o meno in questo periodo gli eresiarchi pauliciani (di origine  armena) passano al cattolicesimo (i pauliciani erano nati e cresciuti a partire dal VII sec.):da essi origineranno le due attuali diocesi di Nicopoli e di Sofia-Philippopoli .

Giuseppe Sokolsky ,Delegato Apostolico a Costantinopoli (e Arcivescovo  1861-)

1855: Passaggio al cattolicesimo dello scrittore Dragan Tsankov. Origina un  movimento uniatista anche sotto la spinta di missionari lazzaristi presenti nel paese. 

1861 Alcuni Ortodossi bulgari inviano una delegazione capeggiata dall'Archimandrita Giuseppe Sokolsky a negoziare la comunione con  Roma.  Papa Pio IX  ordina Sokolsky Arcivescovo per i cattolici bulgari di rito Bizantino e crea un Vicariato  Apostolico per i  Bulgari di rito bizantino a Constantinopoli. Egli viene  riconosciuto come tale dal governo Ottomano ma 

1862 ben presto internato dai russi  per 18 anni. Nonostante ciò  la Chiesa Cattolica Bulgara crebbe fino a  80.000 fedeli (ma entro il 1872 circa 60.000 erano tornati all'Ortodossia).

Pietro Arbadzhinsky Delegato Apostolico a Costantinopoli (sacerdote -  1862-65)

1862 In seguito all'internamento di Mons. Sokolsky la Chiesa viene governata da  Arbadzhinsky .

Bessarione Popov Delegato Apostolico a Costantinopoli (vescovo 1865 - 1876)

1870 Sotto la pressione del  governo russo,che  nel frattempo cominciò a sostenere la creazione di  una Chiesa Ortodossa Bulgara Autocefala, viene creato un Esarcato Ortodosso Bulgaro  praticamente indipendente dal Patriarcato di Costantinopoli . Ciò pose fine  al movimento verso il Cattolicesimo e  altri cattolici  bulgari tornarono all'Ortodossia.

Nilo Izvorov Delegato Apostolico a Costantinopoli (vescovo 1876-95), Lazaro Mladenov (Vicario di Salonicco 1883-94), Michele Petkov (Vicario di Adrianopoli 1883-1926)

1883 Altri Vicariati vengono  eretti a Adrianopoli e a  Thessalonika.

Sede vacante a Costantinopoli 1895-1906, Michele Minov Delegato Apostolico a Costantinopoli (vescovo 1906-24), Epifanio Tzadov (Vicario di Salonicco 1895-22)
Angelo Roncalli (Arcivescovo) Amministratore Apostolico 1925-31, Delegato Apostolico 1931-34 in Bulgaria

1926 Vengono aboliti i Vicariati di Costantinopoli, Adrianopoli e Salonnicco e creato il Vicariato Apostolico di Sofia (la cui sede resta vacante). Il futuro Papa Giovanni XXIII riorganizza la chiesa nella moderna Bulgaria.

Giovanni Garufalov Vicario Apostolico di Sofia ( 1942 - 1951)
Cirillo Kurteff Amministratore Apostolico di Sofia (1951-1971)

1951 La Chiesa Cattolica Bizantina Bulgara è l'unica Chiesa di rito orientale dei paesi comunisti a non venire soppressa ma il suo vescovo morirà in circostanze non chiare .

Metodio Dimitrov Stratiev Vicario Apostolico di Sofia (1971-95)

Christo Proykov Vicario Apostolico di Sofia (1995-)

2002 Viaggio apostolico di Giovanni Paolo II in Bulgaria.

 

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse Chiese Non Calcedonesi Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento:Settembre 2002,aprile 2007