Questa pagina può essere ripubblicata in tutto o in parte secondo le regole di Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. E’ sufficiente fare presente l’opera da cui è  tratta (“Atlante della Chiesa”)   linkandola   o riportandone  l’URL  (http://atlasofchurch.altervista.it) .

 Torna a Chiese Ortodosse

Sinodo Alternativo Bulgaro

#Sinodo_Alternativo_di_Bulgaria

#Vera_Chiesa_Ortodossa-Metropolia_della_Bulgaria Meridionale

#Sinodo_di_Gervasio

#Link

Atlante

Link

voce in wikipedia

Sinodo Alternativo di Bulgaria

A seguito della debacle comunista nel 1989 alcuni vescovi con a capo Pimen di Nevrokop mostrano una forte dissenso nei confronti del Patriarca Massimo di cui nel 1992 chiedono la deposizione. Il Santo Sinodo risponde deponendo Pimen e i suoi seguaci i quali , sostenuti dal nuovo governo bulgaro, occupano la sede centrale della Chiesa Bulgara. Nel 1993 risulta infruttuoso il tentativo del Patriarcato Ecumenico di risolvere la situazione. Nel 1996 lo scisma si appalesa in tutta la sua gravità in seguito alla proclamazione a  Patriarca di Pimen da parte della sua fazione. Il governo si pone dalla parte di Pimen che nel 1997 prende parte alla cerimonia di insediamento del nuovo Presidente di Bulgaria Stoyanov. Nel 1998  Stoyanov chiede ai due contendenti di dimettersi e propone l'elezione di un nuovo Patriarca ma  un vertice dei Capi delle Chiese Ortodosse (tra cui il Patriarca Ecumenico, di Alessandria e di Mosca) ottiene le dimissioni  di Pimen (che morirà nel 1999) e di altri vescovi che rientrano in seno alla Chiesa. Nel 2002 il governo di Simeone di Sassonia-Coburgo-Gotha aveva approvato una legge in base alla quale il Sinodo del Patriarca Massimo viene riconosciuto  l'unica Chiesa Ortodossa in Bulgaria e nel 2004 la polizia sequestrava circa 250 chiese del Sinodo Alternativo di Bulgaria.  Nel 2008 la Corte europea dei diritti dell'uomo si è pronunciata per la restituzione delle chiese. La divisione tuttavia non viene meno e a capo del Sinodo alternativo viene posto il Metropolita di Krupnik  Innocenzo  (pro-patriarca e Metropolita di Sofia   1999-2005 e 2006-12)  e per qualche mese come Presidente del Sinodo  Boris, Metropolita di Plovdiv (2005-06);  nel 2012 ambedue  rientrano con altri vescovi  in seno alla Chiesa di Bulgaria sicchè  lo scisma si può ritenere superato.

Restano in scisma:

- il vescovo Clemente Burenkov (vescovo di Krupnik) continua ad amministrare la Diocesi di Europa occidentale con residenza  a Parigi (intorno al 2000; ulteriori notizie?)

- Cirillo vescovo di Costanza (intorno al 2000; ulteriori notizie?) ,

- Vissarion Dobrev vescovo  di Agatopoli  nel 2013 passa al Sinodo di Raffaele Prokofiev.

- Daniele, vescovo di Stobi, già   nel 2004 si era separato  dal Sinodo di Innocenzo e nel 2008 registra la sua formazione e assume il titolo di Metropolita di Filippopoli e Bulgaria meridionale (Vera Chiesa Ortodossa-Metropolia della Bulgaria meridionale) . Nel 2012 gli  succede Daniele II (Mogutnov) che con gran parte della Chiesa passa al Sinodo di Raffaele Prokofiev ma ritorna all'autocefalia l'anno successivo. Nel 2013 diventa nuovo Primate Sergio Moisenko (anch'egli proveniente dal Sinodo di Raffaele ) che prende il titolo di Metropolita di Mesembria; sempre dal 2013 ha un altro vescovo con il titolo di Dioclezianopoli. Pagina dedicata in hierarchy.religare.

- Gervasio Patarov  (Sinodo di Gervasio), già Vescovo di Varna e Amministratore di Nevrokop , viene eletto   vescovo di Nevrokop  nel 2009 ma non senza dissensi per cui nel 2010  crea una propria formazione e si pone in comunione  con la Metropolia di  Avlona e il Sinodo di Milano (nel 2011 sostituito con l'Arcidiocesi Ortodossa Autonoma del Nord e Sud America e delle Isole Britanniche ) con i cui vescovi nel 2010 consacra 2 vescovi)  e nel 2011 con il Sinodo di  Raffaele Prokofiev.  Dal 2011 ha anche un vescovo in Brasile.  Già nel  2002-03 si era staccato dal Sinodo Alternativo Bulgaro per entrare a far parte del Sinodo di Lamia.   Pagina dedicata in hierarchy.religare..

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse   Chiese non Calcedonesi  Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento: settembre 2005, giugno 2006,ottobre 2006, dicembre 2007, giugno 2009, marzo 2011, aprile 2012, marzo 2013, marzo 2014, febbraio 2016, gennaio 2017