Questa pagina può essere ripubblicata in tutto o in parte secondo le regole di Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. E’ sufficiente fare presente l’opera da cui è  tratta (“Atlante della Chiesa”)   linkandola   o riportandone  l’URL  (http://atlasofchurch.altervista.it) .

Torna a Patriarcato Ecumenico

 Chiesa Ortodossa Apostolica (Autonoma) d'Estonia

#Introduzione

#Link

#Primate

#Cronologia

Atlante

Introduzione

Nelle Chiese Ortodosse esistono diversi gradi di autonomia che possono venire concessi a una  Chiesa locale non autocefala. Quando però si parla di Chiesa Autonoma si intende un grado di autonomia praticamente sovrapponobile all'Autocefalia a parte il fatto che la nomina del Primate spetta  formalmente alla Chiesa Autocefala da cui la Chiesa Autonoma formalmente dipende (nella fattispecie il Patriarcato Ecumenico) .Gli Ortodossi in Estonia sono circa 80.000;di questi circa 50.000 aderiscono a questa Chiesa ,gli altri in gran parte Russi all'eparchia di Tallinn dipendente dal Patriarcato di Mosca. In seguito alla creazione nel 2009 di 2 diocesi la Chiesa si appresta a costituirsi di un Sinodo vescovile.

Link

Orthodox Church of Estonia 

Primate: Stefano,Metropolita di Tallinn e tutta l’Estonia,è l'attuale Primate. E' nato nel 1941, è stato ordinato sacerdote nel 1968 e consacrato vescovo nel 1987.

Foto in Orthodox Church of Estonia 

               

Cronologia e Cronotassi dei Vescovi e Metropoliti d'Estonia

1038 Tribù Ciude vengono convertite all'Ortodossia.Il Pricipato di Novgorod governa alcune di queste tribù .

XVI sec. Conquista svedese dell'Estonia .Il Luteranesimo diviene la religione predominante.

1560  Juryev (in seguito  Dorpat ,oggi Tartu) diventa sede di una eparchia

1721 Estonia e Lettonia passano alla Russia.

1817 viene creato il vicariato di Revel (Tallinn) (dipendente dalla diocesi di  St. Petersburg) 

1838 Un considerevole numero di Estoni e Lettoni Luterani passano all'Ortodossia.

1865 il vicariato di Revel (Tallinn) viene incluso nella diocesi di Riga.

Platone  Kulbush (vescovo vicario di Revel,1917-18 )

Alessandro Paolo (1920-dal 1923 Metropolita,dal 1945 in esilio-53)

1920 Unilaterale dichiarazione d'Autonomia che viene nello stesso anno riconosciuta dalla Chiesa Russa.Viene creata la diocesi di Revel.

1923 Autonomia sotto le dipendenze di Costantinopoli. La diocesi viene elevata a Metropolia.

1924 Alla diocesi di Tallinn si affianca la diocesi di Narva.

1941 Riunificazione con  la Chiesa Russa che stabilisce un Esarcato per gli Ortodossi degli Stati  Baltici con sede a Vilnius.

1945 Dopo la riconquista Russa ,Mosca   riunifica le due diocesi estoni in un'unica diocesi. Il Metropolita Alessandro si stabilisce in  Svezia e  organizza, a Stoccolma ,la  Chiesa Ortodossa Apostolica Estone  in Esilio.

Athenagoras (Arcivescovo di Thyatira)(responsabile per la Chiesa in esilio 1953-60)

1953 Alla morte di Alessandro il Patriarcato Ecumenico nomina l'Arcivescovo Athenagoras di Thyateira come Locum Tenens del primate di questa Chiesa .Questi consacra vescovo l'estone Juri Valbe nel 1960.

1961Muore Juri Valbe . Athenagoras di Thyateira è di nuovo  Locum Tenens.Le  parrocchie estoni in esilio vengono poste alle dipendenze dei vescovi locali del Patriarcato.

Juri Valbe (1960-61)

Giorgio  (Arcivescovo di Thyatira)(responsabile per la Chiesa in esilio 1961) 

Jacobo  (Arcivescovo di Thyatira)(responsabile per la Chiesa in esilio 1961-70)

1978 Costantinopoli dichiara non operante l'autonomia.

1991 Caduta dell'Unione Sovietica .Gli Ortodossi Estoni si spaccano tra chi vuole restare fedele a Mosca e chi rivuole l'autonomia.

1993 Mentre il governo Estone riconosce soltanto la Chiesa Ortodossa Apostolica d'Estonia,viceversa Il Patriarcato di Mosca ripristina lo status di autonomia del 1920 in pratica per la  sua diocesi di Tallinn .La divisione sopravviene di fatto. 

1994 Più della metà delle parrocchie richiede l'autonomia sotto Costantinopoli.

Giovanni (Arcivescovo di Finlandia,Locum Tenens, 1996 – 99) 

1996 Costantinopoli restaura l'Autonomia .L'Arcivescovo di Finlandia viene provvisoriamente nominato a capo della Chiesa d'Estonia dal Patriarcato Ecumenico. Mosca non riconosce tale atto e i rapporti con Costantinopoli diventano particolarmente tesi. Si arriva in seguito (mi pare ) a un accordo in base al quale di fatto  ambedue le  giurisdizioni in Estonia restano operanti. Grazie a tale accordo Costantinipoli e Mosca restano in comunione (che si era sfiorato di rompere).

Stefano   (Metropolita di Tallinn e tutta l'Estonia,1999 - )

1999 Stefano di Nanzianzo viene nominato Arcivescovo di Tallinn e tutta l'Estonia.

2002 Anche la Chiesa ortodossa di Estonia del Patriarcato di Mosca viene riconosciuta dallo Stato.

2007 Si tiene a Ravenna la riunione della Commissione Congiunta Cattolica-Ortodossa: il Patriarcato di Mosca non vi partecipa a motivo della presenza di delegati della Chiesa di Estonia del Patriarcato Ecumenico.

2013 Visita del Patriarca Ecumenico in occasione del 90° anniversario della proclamazione dell'autonomia  della Chiesa .

 

DISCLAIMER

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni,che si prega di Segnalare.

Giurisdizioni Legenda Chiese Cattoliche Chiese Ortodosse   Chiese non Calcedonesi  Chiese Anglicane Chiese Protestanti Altre Chiese

Ultimo aggiornamento:ottobre 2002,aprile 2006, giugno 2007, aprile 2009, febbraio 2014, gennaio 2017